lunedì 23 gennaio 2012

Sconti - Terza Parte, tuttogratis

La scorsa settimana, oltre a tutto il resto, ho dovuto anche sostituire Lamine, che s'è preso quattro settimane di ferie per tornare in Senegal. Giovedì mentre stavo spostando dei bancali ascoltando, al solito, la radio a tuono, arriva la solita spaccamaroni. Le leggo il labiale "Vorrei..." e alzo il braccio destro a indice steso ad indicarle le scale che portano all'esposizione.
"Scusi?"
Con passo che più cadenzato di così, esiste solo quello dell'oca mi dirigo verso la radio, spegnendola. Probabilmente con lo sguardo.
"De-ve an-da-re di so-pra!"
"Di sopra dove?"
"In esposizione"
"Ma se sono stata su prima e la signorina m'ha detto di venire giù"
"Impossibile"
"Senta, vorrei delle barre portatenda" (Ma chi, nel 2011, ha ancora la tenda nella doccia? E soprattutto chi, nel 2011, cambia le barre?)
"Bene, sono sopra"
"No"
La tentazione è quella di andare di sopra, prendere le barre e finirla a sprangate.
"Andiamo di sopra, così vediamo chi ha ragione"

"Svetlana" - mai chiamata così in cinque anni in cui ho sfoderato tutti i vezzeggiativi dell'universo - "vieni qua..." ( mancava solo che le dicessi "...e dammi la zampa")
"La signora dice che le barre portatenda sono in magazzino"
"E' vero"
"Da quando?"
"Settimana scorsa Lamine" - a quel nome avevo già messo mano alla fondina, spero che si bruci peggio di un tedesco - "le ha portate giù perchè non si vendevano e ingombravano inutilmente"

Successivi dieci secondi

Sguardo mio "-"
Sguardo della segretaria "-"
Sguardo della signora "-"

Un'immagine di una potenza tale che al confronto il triello finale de "Il buono, il brutto e il cattivo" era fuffa.

"Vede, avevo ragione..."
"Sisì"

Signora batte Filippo 6-0, 5-0, abbandono per infortunio (rottura di un testicolo, per la precisione)

Scendiamo nel magazzino, io 'sta donna la vorrei già sgozzare (non ammettevo la sconfitta, a distanza di qualche giorno posso, anzi debbo, riconoscerlo), lei cerca di recuperare il rapporto, con sensibilità tutta femminile

"Adesso mi fa vedere i modelli?"
La stronco: "Signora, non è che ci siano tanti modelli, una barra è una barra, al massimo cambia il colore e le flange"

Alla parola flange la signora ha un mancamento, purtroppo momentaneo.

"Costa di più con le flange?"
"No, le flange sarebbero gli...attacchi ai lati"
"Ah, eh, certo, senza attacchi...si stacca"
"Bene" (pensiero: "Signora, noto che ha alle spalle degli studi di ingegneria...")

Tiro fuori l'immenso catalogo di barre portatenda di cui disponiamo, ben quattro modelli: bianca con flange tonde, acciaio satinato con flange tonde, bianca con flange quadrate, acciao satinato con flange quadrate.

"Lei quale mi consiglia?"

Voglio morire

"Questa" indicandone una a caso
"Io preferisco questa"
"Perfetto, tenga"
"Grazie"
"Viene lei ad montarmela?"
(pensiero: "Signora, le metto fuori una chiamata che deve ipotecare la casa") "Guardi, è molto semplice, deve fare quattro fori nel muro, stop"

Silenzio carico di domande

"Lei non ha un uomo per casa?" (ammetto che a ripensarci ora questa domanda mi fa sbellicare)
"Sì, c'è mio marito" me lo indica al volante di una fiammante Panda
"Perfetto"
"E poi?"
"Poi?"
"Intendo...dopo i fori?"
"Fa la doccia"
"E la tenda?"
"La infila prima"
"Ahhh"
"Eh"
"Poi va su..." (inteso: "dalla segretaria a pagare")
"Sisì, prendo la scala..."
"Esatto, prende la scala" (pensiero: "Brava signora, la vedo spigliata nell'aver già recepito che quella costruzione che le consente di salire di sopra è una scala)

Esce e va verso l'auto del marito...andrà a prendere i denari, no?

No.

Il marito accende l'auto e si avviano verso il cancello

Urlo tarzanico: "Signoraaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa"
Si sporge: "Sì?"
"E' andata a pagare?"

Scende all'auto, viene verso di me, con sguardo accigliato: "Devo pagarla?"
"-"
"Ma dai su, lei l'ha tirata giù dalle tende vecchie"
(pensiero: "A parte che sono cazzi miei...") "...certo e poi l'abbiamo confezioniata"

La parola confezione deve averla spiazzata, però è una parola complicata, tanto vale provare l'affondo.

"Eh, sì"
"Mahhh"
"E quanto la dovrei pagare?"
"Da listino 18 euro, arrotondiamo a 15"
"Facciamo 10?"
"Ma anche 5, perchè no?"

Dopo tre minuti arriva la segretaria

"Fily, la barra a cinque euro? Non è che hai perso uno zero?"

Dov'è la capsula di cianuro, dov'è?

"Ma anche tu, Svety, cinquanta euro una barra portatenda, ma siete parenti?" (la signora non era lì, avrei potuto infierire ulteriormente)
"La signora m'ha detto cinque"
"Va bene cinque, basta che si levi dai maroni"

Ho preso le rimanenti barre portatenda, le ho tolte dalle confezioni e le ho portate a casa. Ci giocherà il cane.

Quando la prossima signora, tra due-tre anni (questa è la frequenza), avrà il coraggio di chiedermi se avremo le barre portatenda, la risposta sarà una e una soltanto



NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

1 commento:

  1. #1 13 Giugno 2011 - 00:14

    I clienti sono tutti strani, mi chiedo sempre cosa pensano quando i ruoli si invertono e siamo noi quelli con cui si deve trattare(ed hanno sempre ragione :P). Certo è che a volte sono talmente shockanti da far morire dal ridere... e tolgono un po' la monotonia della routine!
    Chuz XD
    Shmory

    #2 13 Giugno 2011 - 10:10

    Io ho una bellissima sbarra porta tenda con tendina annessa sopra la mia vasca a Pavia.
    Ormai 3 anni fa durante il giro per vedere l'appartamento in bagno troviamo soltanto una vasca...chiediamo alla proprietaria "sa signora, siamo due ragazzi, vorremmo farci la doccia piuttosto che il bagno nella vasca" (ot: bagno nella vasca che io personalmente quasi come un rituale sacro effettuo ogni domenica pomeriggio). Lei ci fa "sì sì, basta che vi girate verso le piastrelle e state attenti a non bagnare"......
    Con mio papà abbiamo comprato le barre in un supermercato qualsiasi ed in ben 15minuti di lavoro le abbiamo montate.

    Gabor - Demario

    #3 17 Giugno 2011 - 13:19

    LOL, io ho la tenda! Casa pre-bellica! :D

    Dave

    #4 22 Giugno 2011 - 10:54

    Anche io ho la tenda nella doccia!

    il numero 10

    #5 22 Giugno 2011 - 16:12

    tenda. e nessun piatto doccia, solo lo scrausissimo scivolo con scolo. le gioie di un collegio costruito negli anni '70.
    Midori_at_University

    RispondiElimina