mercoledì 23 gennaio 2013

John Peter Sloan vieni a me (non mi avventuro in "come to me")

Ieri colloquio col Mega Direttore Naturale Conte Lamberti. Tanta ansia per nulla, in realtà erano più domande per capire come mi trovavo che considerazioni sul mio operato, di cui sono complessivamente soddisfatti. 
Le chicche sono state essenzialmente due

Lascio da parte tutti i convenevoli, come il fatto che prima di pronunciare ogni singola parola chiedevo l'autorizzazione, accompagnata da un inchino, mentre pronunciavo formule di omaggio.

"C'è un fatto che non ci siamo ancora spiegati"
"Quale?"
"E' molto spigliato coll'inglese, nel senso che riesce sempre a farsi capire e risponde velocemente, senza le indecisioni dei primi tempi, che sono tipiche di chi è costretto a parlare inglese per otto ore di fila, comprende subito i testi tecnici senza chiedere spiegazioni, ma nello scrivere i report di fine servizio ci mette dentro di quei - non ricordo esattamente il termine - castroni che a volte fanno strabuzzare gli occhi al suo Ingegnere di linea"
"Eh..."
"Eh!"
"Eheh"
"Eh!"
"Eh..."
"Sa dirmi come mai?"
"Per il comprendere i testi tecnici mi sono molto impegnato nel corso"
"E per comunicare e comprendere l'inglese parlato?"
"Mah, sarà che ero abituato a parlarlo con gli americani della squadra che tifo"
A quel punto, fossimo stati in un film, sarei dovuto salire sulla scrivania, slacciarmi i jeans e intonare "It hurts when you gotta kill a nigga you love", invece ho iniziato a piangere
"Ah, sìsì, vero, me l'aveva detto quando ci siamo presentati"
"Eh!", col viso ormai inondato dalle lacrime, mentre usavo la cintura come frusta sulla schiena ormai martoriata
"Deve solo un po' migliorarsi sul versante della produzione scritta, non la prenda come un affronto"
"Nono", mentre guardavo la maniglia della porta per un caratteristico impiccamento alla Condé.

"E del suo assistente (Abdi, NdF) cosa mi dice?" 
"Eh"
"Eheh"
"Eh"
"Ci siamo capiti, d'altronde non c'è nemmeno di spiegarle come vanno le cose, vero?"
"Già"

Mercoledì, venerdì, domenica e lunedì sono uscito con degli inglesi. Io dovrò anche imparare a scrivere in inglese, ma spero di imparare solo quello.

15 commenti:

  1. Tanta vicinanza morale a te... +_+

    RispondiElimina
  2. è stato un colloquio pieno di rumori gutturali!
    però ce la puoi fare dai!!!

    ABDI UNO DI NOI
    ABDI WE LOVE YOU
    ABDI OBLADì OBLADà

    RispondiElimina
  3. Grazie Harley, in effetti anche la motosega potrebbe essere un ottimo metodo per espiare le mie colpe.

    Ero un po' imbarazzato, tutto qui, e infatti non ho volutamente scritto quando mi ha chiesto: "Se vuole può farmi qualche domanda" - "Mio Signore e Mio Dio, posso farle una domanda scomoda?" - "Prego" - "Mi elenchi l'infinita schiera dei suoi successi umani e professionali"

    RispondiElimina
  4. e poi hai tirato un po' su la maglia sul polso, tra le dita,e l'hai passato sulla sua scrivania facendo cerchietti concentrici?

    RispondiElimina
  5. Fanno 24 gradi, non mi pare il caso di mettere la maglia. Comunque sì, hai centrato il punto. Ogni tanto dicevo anche "Maestà, scusi se sto usufruendo di troppi metri quadrati, se vuole mi posso alzare - dall'inginocchiatoio - e mettere anche su una gamba. Come desidera, veramente, non faccia in modo che la sua magnanimità le faccia avere troppe remor nei miei confronti"

    RispondiElimina
  6. Domani presentati con la scritta WELCOME! tatuata sulla schiena... magari apprezzeranno. Ma bada a scriverlo per bene.
    Ps. se serve, la motosega te la presto per farli fuori tutti. Ma poi passaci sopra il brillacciaio, ché sennò mi si sciupa la lama!

    RispondiElimina
  7. 24 gradi. ma io adesso m'ammazzo.

    RispondiElimina
  8. Da me oggi è passato il SuperMegaIperDirettore.. con un improponibile maglione rosa.. non so come ho fatto a non ridergli in faccia!

    RispondiElimina
  9. Oggi fa freddo: solo 23 gradi ma stamattina, sprezzanti del pericolo, siamo andati al mare lo stesso. E comunque ti rifarai a luglio, quando qui stripperemo di caldo umido mentre tu ti potrai gradire il ventilato, secco e in definitiva piacevole clima della Pianura Padana.

    E' che la gente non saNNO più vestirsi. Tu dimmi se un Mega Direttore Naturale Conte Lamberti può presentarsi in maglione, aldilà del rosa o meno, che comunque aggiunge quel più di raccapriccio (Harleycit.) al tutto. Mica pretendo una cravatta, ma almeno una giacca e una camicia, santiddio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono un megadirettore, ma io in giacca e cravatta sembro molto pirla
      In maglione sembro un po' meno pirla.

      Perchè maglione no?

      Elimina
    2. Perché tra la sciatteria (perché poi seguendo questa china si finisce coll'andare a lavorare colla polo) e il formalismo (in nota azienda televisiva con sede a Milano se ti presenti senza abito scuro vieni gentilmente rispedito a casa a cambiarti), c'è la forma che, (anche) attraverso il vestito, si fa sostanza. Per cui, per me, un MDNCL si dovrebbe mettere almeno una giacca e una camicia (la cravatta la considero un "di più", a meno che non ci siano incontri, presentazioni, meeting, roba del genere). Un impiegato o, anche se borderline, un quadro si può permettere anche un maglione. Opinione personale, ripeto...poi qualche anno fa sono andato a deporre in tribunale e mi sono ritrovato il PM con una longsleeve. Roba che se fossi stato il giudice avrei istruito immediatamente un altro processo, ma evidentemente oggi usa così.

      Elimina
  10. c'è sempre il For-maglione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche un po' Marchionne style, inzomma... 'nduma be'...

      Elimina
  11. non fare il figo, te devi ringraziare che ti vesto io, altrimenti andresti in giro come arlecchino.

    G

    RispondiElimina
  12. Adesso "chiederti un consiglio" sarebbe "farmi vestire da te"? E sapere che ero entrato con l'idea di scrivere un post su di te...

    RispondiElimina